Questo sito utilizza i cookies per le proprie funzionalità. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookies.Ho Capito! Autorizza e Continua! Se vuoi saperne di più clicca qui.

Appartamenti Fratelli Riz

Storia della Valle di Fiemme

L'intero territorio fiemmese è ricco di ritrovamenti che hanno permesso di ricostruire la storia più antica di questa stupenda Valle. Il reperto più risalente è senza dubbio il graffito di etè preistorica rinvenuto in località Zelor a Castello di Fiemme: rappresenta un cervide dalle lunghe corna scolpito nel porfido rosso segno forse delle abitudini venatorie dei primi abitanti della Valle.

Successivamente con la colonizzazione romana si passa a una certezza: è Plinio infatti a parlarci dei Flamonienses, oggi i fiemmesi. La Casa Romana di Castello di Fiemme conferma una colonizzazione che ha generato numerosi villaggi in tutta la Valle.

Con le invasioni barbariche pare che qualche tentativo di entrare in valle ci sia stato ma sporadico e bloccato dalla popolazione. Il periodo feudale è sicuramente il più importante per il territorio fiemmese. Sorgono numerosi castelli e rocche di signorotti e nobili della val d'Adige come quello eretto sul colle di San Giorgio a Castello (dei conti Eppan) e sul colle di San Valerio (conti di Enn) a Cavalese. Con l'assegnazione dei beni degli Eppan al principe Vescovo di Trento inizia una nuova storia per la Valle che coincide con la nascita della Magnifica Comunità di Fiemme.